APP MOBILE: pochi passi per crearne una.

Processi di sviluppo step by step

Tra le migliori strategie marketing quella di cercare di attirare la clientela digitale è la più efficace. Utilizzare un’app mobile per pubblicizzare la propria azienda è il modo migliore per raggiungere la più vasta gamma di clienti. I clienti digitali sono quelli più diffusi, soprattutto perché tutti hanno uno smartphone in grado di scaricare un’applicazione. Per creare un’app mobile basta seguire alcuni piccoli passi nel processo di sviluppo.

allegro-collaboratori-in-carica-durante-riunione-aziendale_1098-1963
-BRIEF.

La prima fase riguarda la creazione. Innanzitutto per stabilire gli obiettivi e i bisogni è necessario ascoltare il cliente. In questo modo si definiscono i vincoli e le opportunità che si possono sfruttare dal progetto. L’agenzia digitale non deve essere solamente un fornitore ma deve essere un consulente del proprio cliente, guidarlo verso le scelte da fare e considerare tutte le proposte, anche se non tutte verranno assecondate. La chiave per creare un progetto di successo è quello di superare gli ostacoli attraverso un confronto trasparente. Nella fase di brief l’azienda deve essere parte attiva nel processo. Le possibilità offerte dalle piattaforme tecnologiche devono essere unita alla conoscenza del mercato del cliente, dalle sue richieste e informazioni. Per raggiungere il livello più alto è fondamentale conoscere i desideri del cliente.

6
– SKETCH, WIREFRAME, DESIGN.

Questa fase è molto importante per il progetto perché gli obiettivi si trasformano in realtà, dalla penna alla struttura digitale a cui si aggiunge l’interfaccia digitale. Questo è il passo in cui le richieste dei clienti prendono forma, si passa dalla fase di sketch allo sviluppo del wireframe digitale. La proposta si trasforma in design, per rispettare le esigenze dei clienti. Il primo passo è creare wireframe funzionale, per riepilogare tutte le sezione dell’app e che forniscano una base per la comprensione del lavoro e la conclusione nei tempi previsti. La semplicità del wireframe permette al cliente di non avere problemi con la funzionalità del progetto e l’interazione con l’app. Questa fase prevede però più modifiche e diversi feedback da parte dei clienti potenziali.
Una volta stabiliti i wireframe funzionali si passa alla fase dell’interfaccia e all’esperienza dell’utente finale. Il progetto di design parte dall’idea realizzata su un foglio bianco, per intenderci il cosiddetto sketch, e procede con la definizione attraverso programmi di grafica. Il cliente ha un ruolo in questa fase, sempre di feedback, sulla valutazione dello stile e del layout. Il progetto definitivo si raggiunge solo dopo diversi step.

Technique-for-Faster-Web-Development
– SVILUPPO.

Anche in questo fase il cliente è molto importante. Infatti bisogna stabilire con lui un rapporto, fornirgli aggiornamenti costanti e le anteprime di alcune fasi di sviluppo. Se qualche sezione dell’app non funziona è grazie al cliente che è possibile aggiungere gli elementi necessari. Un’anteprima in fase prematura può spaventare il cliente, quindi è importante scegliere una fase precisa da mostrare. D’altro canto un test in fase troppo avanzata può portare la richiesta di modifiche quando ormai il lavoro è concluso, causando la revisione dell’intera applicazione, limitando il tempo da spendere per le fasi successive.

debug-icon
– BUGFIXING.

In questa fase si testano i bug presentati dall’applicazione e si trova una soluzione. In questa fase è importante il tempo. Bisogna pianificare i lavori per non limitare il tempo da dedicare alle fasi successive. Anche al cliente sarà data la possibilità di avere del tempo per richiedere la modifica di eventuali problemi. Le richieste da parte del cliente devono essere ascoltate per migliorare il progetto e soddisfare al massimo il cliente. Una delle regole più utilizzate per evitare di perdere troppo tempo è tempo di bugfixing= tempo di sviluppo/3

e3123170-523d-4de7-a9eb-e726ce33d779

– SUBMISSION.

Questa è la fase più gratificante dell’intero processo. Prestare attenzione ai tempi di approvazione degli store è importante perché a volte possono essere più lunghi del previsto. Per verificarlo basta analizzare gli hashtag su twitter riguardanti lo store in analisi. Alcuni sistemi operativi non prevedono approvazioni e questo rende più semplice dedicarsi alla fase di sviluppo. Oltre la fase di submission ci sono altre due fasi: copywriting e ottimizzazione delle descrizioni della pagina dell’app. Se un’app è ben indicizzata negli store può essere più facilmente proposta dai clienti nella ricerca. Il tocco finale per permettere che gli utenti clicchino più facilmente sul download è quello di dedicarsi a dei visual che migliorino l’interfaccia degli utenti durante la fase della ricerca.